Elisir Gambrinus Classico - 1 LT

25,90 €

Ottenuto seguendo l’originale manoscritto di famiglia contenente l’antica ricetta, con materie prime naturali come vino Raboso, alcool “buongusto”, zucchero di canna, grappa Veneta, aromi naturali ed un particolare lungo affinamento.

L’ingrediente principale di questo liquore è il vino Raboso ottenuto dall’omonimo antico vitigno autoctono coltivato nel territorio reso fertile dal fiume Piave.

Il trascorrere delle stagioni ne esalterà i sapori ed i profumi, mentre il vivace colore si attenuerà con la maturità.

Quantità
Disponibile

Si deve all’oste vinaio Giacomo Zanotto e alla sua conoscenza appassionata dei frutti delle terre bagnate dal Piave, l’invenzione nel 1847 di un liquore nobile, documentata in un manoscritto di cui ancor oggi si rispettano le indicazioni segrete. Sono le uve del vitigno autoctono Raboso, lasciate a maturare con zucchero di canna e selezionati aromi nelle botti di rovere della Barricaia, a mantenere intatta tutta la suggestione odorosa di marasca e more e a consacrarne il coloro rubino.

L’Elisir Gambrinus è occasione di raffinata condivisione di cose belle, tanto che, oltre alle innumerevoli occasioni ufficiali in cui da sempre è servito nel mondo, è stato scelto anche per i festeggiamenti del 44° Presidente degli Stati Uniti d’America.

Vitigno: Raboso Piave

Zona di produzione: San Polo di Piave - Treviso

Conservazione e affinamento: Matura per anni in botti di rovere di Slavonia da 48, 53, 71 hl e parte in barrique per macerazione, maturazione e affinamento

Gradazione alcolica: 27%

Caratteristiche organolettiche:

Colore: Rosso rubino carico tendente al granato con riflessi violacei, limpido, di ottima compattezza e consistenza.

Profumi: Ampio, gradevole, leggermente pungente, all’iniziale impatto fruttato ed etereo di marasca, mora selvatica, subentra
presto la vinaccia, il sentore di fieno e la vaniglia speziata.

Sapore: Dolce, armonico, asciutto, tipicamente tannico, si libera rapidamente con grande forza, il bouquet ricorda la violetta (viola mammola).

Retrolfatto: Al grande “calore” si affianca suadente un morbido e dolce fruttato, a cui, con grande lentezza, subentra un lieve retrogusto di ciliegia.

Potrebbe piacerti anche

Nuovo account

Hai già un account?
Entra invece Oppure Resetta la password